Login Registrati

Login

slidesito2 SLIDES SITO 1 slideshow 1 SLIDES SITO 11 SLIDES SITO 2 SLIDES SITO 3 SLIDES SITO 5 SLIDES SITO 7 SLIDES SITO 8 SLIDES SITO 9 SLIDES SITO 6 SLIDES SITO 13 SLIDES SITO 10

MEETUP FRASCATI

fondato il 2 aprile 2008

RIFERIMENTI GRUPPO
  • Organizer: Emanuele Dessi
  • Co-organizer: Angelo Stefano
  • Assistant organizer:
  • Assistant organizer:
Parliamo di:

AcquaRifiutiTerritorioAmbienteBeni ComuniEnergiaTrasportoNuove TecnologieConnettivitàZero Privilegi

Programma in pillole

UNA GRANDE LAVAGNA VUOTA, GLI SCENDILETTO DELLA POLITICA, LE BUFALE MEDIATICHE... E NOI

20 Settembre 2017 

 

 

Il titolo descrive brevemente la triste situazione politica frascatana oggi.

Chiaramente LA GRANDE LAVAGNA VUOTA è quella della maggioranza: una gioiosa macchina da guerra che è stata in grado di recuperare i voti mancanti al primo turno e di vincere nettamente al ballottaggio. Ha intercettato - nessuno lo ha mai nascosto - anche tanti voti che al primo turno erano andati al Movimento 5 stelle e questo punto merita una piccola digressione: i motivi di quel voto sono fin troppo evidenti. Più della coalizione a guida PD, la coalizione di Mastrosanti incarnava con i suoi giovani aspiranti consiglieri quelle istanze di cambiamento e di rinnovamento che sono alla base della nascita del nostro gruppo.
Anche nei programmi, le congiunture tra la coalizione Mastrosanti e il Movimento 5 stelle sono evidenti.
Ma le differenze ci sono - e sono nette - nel metodo.
Noi avevamo presentato con larghissimo anticipo la squadra di governo, le priorità da affrontare e gli eventuali professionisti da inserire nell'organizzazione. Un lavoro fatto d'anticipo che avrebbe dato immediato impulso all'azione amministrativa. 
Mastrosanti non lo ha fatto nè poteva farlo, non avendo a supporto una lista unica ma una coalizione composita. Ha dovuto mediare, ad elezione avvenute, con tutti coloro che di quella coalizione hanno fatto parte.
È il sistema che è sbagliato.
I cittadini frascatani non lo hanno capito ed hanno premiato i due raggruppamenti più eterogenei della storia moderna, portandoli al ballottaggio. È inutile negare che anche Pagnozzi avrebbe avuto le stesse identiche difficoltà, come le ebbe Spalletta nella precedente consigliatura.

Gli SCENDILETTO della vecchia e nuova amministrazione, spesso identificabili nella stampa locale, mistificano la realtà e creano narrazioni aberranti sul nostro conto. Non siamo meravigliati. Siamo il primo partito a Frascati, 1800 cittadini ci hanno dato fiducia, quindi ci temono. Per loro nutriamo solo indifferenza che, come dice il detto, è il peggior disprezzo.
Eppure le loro azioni diffamatorie impediscono ai cittadini onesti di capire cosa accade veramente. Ecco perchè, dopo le ultime sparate giornalistiche che continuano ad insinuare strane amicizie con il sindaco Mastrosanti, sentiamo la necessità di rispondere nel merito.

Torniamo quindi alla lavagna vuota.
Il tempo perso da Mastrosanti per organizzare la squadra ha di fatto impedito alla maggioranza di produrre il benché minimo atto di indirizzo. A che cosa avremmo dovuto opporci? Alla scelta degli assessori? Alla scelta dei delegati? Non sarebbe serio e neanche in linea con il metodo che ci siamo dati.
Chiediamo ogni giorno all'amministrazione di dare dei segnali, lo facciamo a voce alta attraverso la nostra Lucia Santoro e lo facciamo con gli atti che il nostro gruppo prepara e che sono visibili da tutti, almeno da coloro che agiscono e parlano in buona fede.
Aspettiamo, ormai da troppo tempo, che si cominci a lavorare sui temi e sulle proposte e che sia finalmente chiaro, a noi ed ai cittadini, quali sono le priorità di questa amministrazione e su quali e quanti fondi si può contare per operare nel merito.
Aspettiamo che ci venga detto, da chi è titolato a farlo, di quali strumenti ci possiamo dotare per permettere una intensa e caparbia azione di indirizzo.
Aspettiamo di avere a disposizione una pianta organica aggiornata ed una lista dettagliata degli assessori, dei delegati e delle loro competenze in modo da poter interloquire con le persone demandate e invece siamo costretti a dover parlare nel vuoto dei social.
Aspettiamo e aspetteremo ancora un po', ma non per sempre.
Così come non aspettammo per sempre l'ex sindaco Spalletta.
Durante la sua seduta di insediamento, il nostro ex consigliere Emanuele Dessì analizzò punto per punto il suo programma, dicendosi d'accordo a collaborare con lui e con la sua giunta su molte questioni, ad eccezione del parcheggio sotto ai Vialoni e della centrale a biogas che si voleva costruire nelle campagne a valle di Frascati. 
Solo dopo diversi mesi, in assenza di qualunque richiesta di collaborazione e di fronte all'ennesima valanga di cemento che si voleva imporre sui terreni di Grotte Portella, archiviammo qualunque ipotesi di opposizione costruttiva e attuammo la più dura opposizione che Frascati ricordi. Questo perché la maggioranza dell'epoca aveva scelto di arrivare alla rottura dei rapporti sia personali sia politici.
Con il neosindaco stiamo adottando lo stesso metodo. Lo aspetteremo alla prova dei fatti. Misureremo la sua serietà.
Purtroppo ci sono - è inutile negarlo - concittadini che hanno una idea malsana della politica e della pubblica amministrazione. La vedono come una opportunità personale per ottenere favori personali. In passato, alcuni hanno usato le proprie conoscenze politiche per trovare appartamenti a basso costo, altri hanno usato un parente all'sts per farsi pulire il vialetto; c'è chi ha ottenuto dall'assessore amico di chiudere un occhio sulle tasse non pagate, chi è riuscito a farsi assegnare qualche impianto sportivo e tutta una miriade di altre cialtronerie figlie di un modo clientelare di gestire la cosa pubblica. 
Ecco, soprattutto su questo misureremo la serietà della giunta Mastrosanti, sulla capacità di eliminare i piccoli e grandi favori, dal cambio della lampadina all'assegnazione di un posto di lavoro, ma solo e sempre per chi ha gli appoggi giusti. Mai per tutti.
Il futuro dei rapporti politici si giocherà su questo, sulla voglia e la forza dell'attuale maggioranza di rompere per sempre questo vergognoso sistema, eredità di un passato e di un partito in particolare, il PD, con cui nessuno di noi vuole più avere niente a che fare.

Eppure la nostra non è un'attesa vuota di contenuti. A chi si domandasse cosa stiamo facendo, ecco un resoconto del nostro operato nei primi mesi di consigliatura:

1) Abbiamo chiesto ed ottenuto grazie al voto unanime di tutti i gruppi politici la Presidenza della Commissione bilancio. Attraverso questo strumento, abbiamo intenzione di verificare tutte le criticità che hanno messo in difficoltà i conti del Comune, a partire dai crediti non incassati; proporremo soluzioni concrete.
2) Abbiamo protocollato un'importante interrogazione a risposta scritta sulla sicurezza degli immobili comunali soprattutto per quanto riguarda i certificati antisismici ed antincendio delle scuole, facendo seguito ad una azione di controllo cominciata con la gestione commissariale.
3) Abbiamo proposto, attraverso una mozione, la modifica degli orari della ZTL: la pubblicheremo nei prossimi giorni in modo da poterla discutere con i cittadini.
4) La nostra prima mozione sull'acqua è stata approvata.
5) Sono pronte le linee di indirizzo sul traffico, la viabilità e i parcheggi.
Sono pronte le proposte sul parcheggio multipiano alla stazione e sul raddoppio di quello a Consalvi.
6) Stiamo monitorando la situazione impianti sportivi.
7) Chiederemo, a partire dal prossimo mese, incontri scadenzati con gli assessori ed i dirigenti per porre in agenda tutti i temi che verranno elaborati dai nostri tavoli di lavoro.

Questa per noi è cittadinanza attiva.

 

M5S Frascati